Dolomiti, 4.000 nuovi clienti nazionali

l’Adige - Francesco Terreri, 3 luglio 2009


VERONA - Con l'acquisizione del controllo della divisione elettricità e gas del gruppo Multiutility di Verona, Dolomiti Energia si affaccia sul mercato nazionale. Sono più di 4.000 le aziende clienti della società veronese che ora faranno capo alla nuova Multiutility Energy, partecipata per il 67% da Dolomiti. L'accordo è stato ufficializzato ieri a Verona, nell'ambito della celebrazione del decennale del gruppo veneto, ed è ora in attesa del parere dell'Antitrust. Il closing è previsto entro un mese. Per l'acquisizione Dolomiti ha messo sul piatto diversi milioni di euro e 465 mila azioni, del valore di circa 700 mila euro, che passeranno a Hpm Spa, la holding di imprenditori veronesi guidata dal numero uno di Multiutility Germano Zanini.

Con l'acquisizione, Dolomiti salirà di almeno un posto nella graduatoria delle ex municipalizzate a livello nazionale. Il fatturato della commercializzazione di energia elettrica e gas di Multiutility, che fornisce solo imprese, è infatti pari a quasi 180 milioni, che consolidati con Dolomiti dovrebbero portare i ricavi totali 2009 a sfiorare i 750 milioni. L'obiettivo è raggiungere 1 miliardo entro un paio d'anni e nel medio periodo, in una fase più positiva dei mercati finanziari, valutare l'apertura all'azionariato diffuso e una possibile quotazione in Borsa.

L'operazione prevede la scissione dell'attuale Multiutility Spa in due società: Multiutility Energy e Multiutility Fotovoltaico. Dolomiti acquisirà il 67% di Multiutility Energy, il 28% resterà in capo agli imprenditori veronesi guidati da Zanini, l'1,3% circa sarà ancora della Carlo Tassara, la finanziaria presieduta da Pietro Modiano che fa capo al finanziere franco-polacco Romain Zaleski, e quote minori restano al management. La società attiva nel fotovoltaico resterà invece in mano a Zanini, che però non esclude future convergenze anche in questo campo. Il consiglio di amministrazione di Multiutility Energy sarà composto da cinque componenti, tre trentini e due veronesi, tra cui Zanini che resterà amministratore delegato.

«Questa unione - ha dichiarato Zanini - svilupperà una sinergia commerciale ma anche territoriale tra un'azienda come Dolomiti Energia, "ex monopolista" fortemente radicata sul territorio trentino, e il know how commerciale che Multiutility ha sviluppato sul mercato italiano liberalizzato della clientela business».

Per Rudi Oss, presidente di Dolomiti Energia, «la partnership con Multiutility permetterà di aumentare la competitività del gruppo. Dolomiti Energia potrà consolidare la propria posizione fra le principali multiutility italiane e grazie alle importanti sinergie industriali, fra un primario produttore di energia idroelettrica e un operatore commerciale storicamente concentrato sulle energie rinnovabili, potrà candidarsi a diventare in breve anche uno dei protagonisti del mercato italiano dell'energia verde ecocompatibile». Marco Merler, amministratore delegato di Dolomiti, ricorda che i due marchi, Multiutility per le imprese e Trenta anche per il residenziale, sono perfettamente complementari per territorio. «Ci apriamo a nuovi mercati, grazie a un partner commerciale che porta in dote un'importante e strutturata rete di vendita presente in tutto il nord e centro Italia». Non è escluso che in futuro, in aree di nicchia, Dolomiti non possa espandere la sua offerta commerciale tramite Multiutility anche alle famiglie e al residenziale.


I partner. Quanto vende Verona
Più di 1 miliardo di chilowattora

l’Adige, 3 luglio 2009


VERONA - Multiutility Spa è un gruppo da 200 milioni di euro di fatturato, di cui 180 milioni nella commercializzazione di elettricità e gas, il ramo che sarà controllato da Dolomiti Energia. La società veronese conta 104 agenzie di vendita sul territorio nazionale e fornisce energia a più di 4.000 aziende, per un totale di oltre 1 miliardo di chilowattora, di cui il 44% da fonte rinnovabile. Dolomiti Energia, dopo la recente fusione con Trentino Servizi, è la sesta local utility d'Italia, leader in Trentino, con un fatturato consolidato 2008 di 585 milioni. Ora, con la nuova acquisizione, potrà salire al quinto posto. Il gruppo comprende le controllate per la produzione di energia idroelettrica, in partnership con Enel e Edison, e società di distribuzione, commercializzazione e servizi. Dolomiti è presente in più di 200 comuni con oltre 900 dipendenti. Il controllo è a maggioranza pubblico, in capo a Provincia e Comuni di Trento e Rovereto.


 

Joomla25 Appliance - Powered by TurnKey Linux