Referendum sul nucleare, un anno dopo. No riapertura reattori in Giappone

Riceviamo da amici giapponesi residenti in Italia.

Pubblichiamo la pagina di oggi del Manifesto, un anno dopo il referendum su acqua e nucleare.

Redazione Ecce Terra

Trento, 12 giugno 2012

 

Cari amici

Il primo ministro giapponese Noda ha annunciato nella serata dell’8 giugno la decisione di riavviare due reattori nucleari nella città di Ooi, provincia di Fukui nel Giappone occidentale.

Ha anche ribadito che il nucleare rimarrà una fonte di energia importante per il Giappone negli anni a venire, riconfermando con ciò la politica giapponese basata sull'energia nucleare.

Leggi tutto

 

Lettera di protesta al primo ministro giapponese Noda

Spettabile Primo Ministro,

protestiamo contro la sua decisione di riavviare due reattori nucleari nella città di Ooi, provincia di Fukui. Le chiediamo di pensarci ancora e imporre, invece, una moratoria sul nucleare in Giappone. Le chiediamo di trovare una politica energetica responsabile per un Giappone senza il nucleare, basata sulla conservazione dell'energia e sull'energia rinnovabile.

Leggi tutto

 

La pagina del Manifesto

(clicca per ingrandire)

 

Un anno fa il popolo italiano ha detto NO, per la seconda volta, all’energia nucleare: la prima volta, nel 1987, sull’onda del disastro di Chernobyl, lo scorso anno di quello di Fukushima. Se i referendum del 2011 hanno cambiato il panorama italiano, il disastro nucleare in Giappone ha cambiato il panorama e le prospettive internazionali (segue sotto).

 

 

Joomla25 Appliance - Powered by TurnKey Linux